Sentenze

Danno da vaccino – TAR del Lazio, Sentenza n. 21704 del 13 ottobre 2009

24 Set , 2014  

Sezione Lavoro, Presidente F. Roselli, Relatore M. La Terza

E’ iniquo l’utilizzo di un parametro identico per tutti (il 12,5 percento) per risarcire coloro danneggiati in maniera irreversibile da vaccino. Così ha sentenziato il Tar del Lazio accogliendo un ricorso di una ragazza danneggiata in maniera irreversibile dalla vaccinazione obbligatoria.
La percentuale riduttiva adottata dal Ministero è stata rivista, i giudici hanno stabilito per la ragazza un risarcimento anche per i danni esistenziali, pari al 20 percento dell’indennizzo attribuitole e versato in ritardo o quote non pagate.
I genitori della ragazza, in data 23 luglio 2009 si erano rivolti al Tar per l’annullamento di parte del decreto che non prevede una priorità nei versamenti, né una quantificazione “ad personam” dell’indennizzo decennale in proporzione all’entità dei danni subiti.
I giudici nel valutare che “non appare conforme alla ratio della legge – si legge nella sentenza – adottare un parametro uguale per tutti”, hanno ritenuto opportuno sottolineare l’importanza delle diverse entità e grado d’invalidità come per legge “in funzione della indicazione di una misura massima e quindi sul presupposto di una ragionevole diversificazione”.
Con la Legge 25 febbraio 1992 n. 210 (più volte rivista e corretta) lo Stato Italiano ha fissato un risarcimento pecuniario (indennizzo) per coloro che hanno subito danni irreversibili dopo vaccinazioni, trasfusioni, contagio con persona già indennizzata o personale sanitario che si siano infettati durante l’esercizio delle proprie funzioni a causa di contatto con sangue o suoi derivati.
Si precisa che la L. 210/92 è inerente al riconoscimento di un “indennizzo”, a prescindere da una dimostrata colpa. Detta attribuzione non esclude la possibilità di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria per ottenere un indennizzo/ risarcimento del danno, in caso di comportamenti colposi di terzi (ai sensi dell’art. 2043 del Codice Civile.
Nello specifico si riportano le tipologie previste:

  1. Persone che hanno riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psicofisica a seguito di: vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria; vaccinazioni non obbligatorie ma effettuate per motivi di lavoro o per incarichi d’ufficio o per poter accedere ad uno stato estero; vaccinazioni non obbligatorie ma effettuate in soggetti a rischio operanti in strutture sanitarie ospedaliere; vaccinazione antipoliomielitica non obbligatoria nel periodo di vigenza della legge 30 luglio 1959, n. 695 (L. 14 ottobre 1999, n. 362, art. 3, c. 3).
  2. Persone non vaccinate che hanno riportato, a seguito ed in conseguenza di contatto con persona vaccinata, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psico-fisica.
  3. Persone contagiate da virus HIV o da virus dell’epatite a seguito di somministrazione di sangue o suoi derivati, sia periodica (ad es. soggetti affetti da emofilia, talassemia, ecc.) sia occasionale (ad es. in occasione di intervento chirurgico, ecc.).
  4. Personale sanitario di ogni ordine e grado che, durante il servizio, a seguito di contatto diretto con sangue o suoi derivati provenienti da soggetti affetti da infezione da HIV, abbia contratto l’infezione da HIV oppure (sentenza Corte Costituzionale n. 476 del 26 novembre 2002) abbia riportato danni permanenti all’integrità psico-fisica conseguenti a infezione contratta a seguito di contatto con sangue e suoi derivati provenienti da soggetti affetti da epatiti.
  5. Persone che risultino contagiate da HIV o da epatiti virali dal proprio coniuge appartenente ad una delle categorie di persone sopra indicate e per le quali sia già stato riconosciuto il diritto all’indennizzo ai sensi della legge 210/92, nonché i figli dei medesimi contagiati durante la gestazione (art. 2, comma 7, L. 210/92).


Torna su