a cura della Dott.ssa Daniela Troiani

Tra le diete squilibrate e pericolose per la salute si sta diffondendo in Italia, dopo aver avuto un certo “successo” negli Stati Uniti, la dieta hCG, che prende nome dall’ormone gonadotropina corionica umana (human Corionic Gonadotropine), prevalentemente prodotto dalla donna in gravidanza.

Questo ormone è secreto quando l’ovulo fecondato si è impiantato nell’utero, e ha il compito di mantenere in vita il corpo luteo, che prende il nome di “corpo luteo gravidico”, che a sua volta produce progesterone, indispensabile per il corretto proseguimento della gravidanza.

Dopo i primi tre mesi il suo livello scende perché la placenta è in grado di produrre da sola una quantità sufficiente di ormoni, e non è più quindi necessario mantenere in vita il corpo luteo.

Il farmaco a base di hCG è utilizzato come terapia integrativa dalle donne che non ne producono quantità sufficienti, ma purtroppo se ne fa anche un altro utilizzo.

Nei primi anni ’50, il Dott. Simeons, un endocrinologo inglese, iniziò a somministrare iniezioni intramuscolari di hCG e una dieta a ridotto introito calorico (500kcal/die) ai suoi pazienti in sovrappeso; la sua idea era che la somministrazione di hCG avrebbe garantito le funzioni vitali ed i livelli di energia anche con una quantità così esigua di calorie, preservando le proteine muscolari e costringendo il corpo ad utilizzare i grassi di deposito. In questo modo, Simeons pensò che sarebbero state evitate le conseguenze immediatamente più gravi della denutrizione, tra cui anche un possibile effetto letale, e in tempi abbastanza brevi si sarebbero potute perdere notevoli quantità di grasso (250-600 gr al giorno).

La funzione dell’hCG era, in teoria, quella di ridurre la sensazione di fame per poter seguire la dieta e di favorire la perdita di grasso in specifiche parti del corpo, come l’addome e le cosce.

Attualmente, ogni ciclo di trattamento dura un minimo di 26 giorni di cui 23 richiedono la somministrazione dell’ ormone, sia attraverso iniezioni che in gocce sublinguali. Il trattamento può durare anche 43 giorni ,con 40 iniezioni. I sostenitori di questo metodo (medici, poiché sono loro a iniettare il farmaco), promettono che coloro seguono una dieta hCG tendono a mantenere più facilmente il peso ottenuto, che è relativamente poco costosa, che migliora l’aspetto della pelle, che migliora il ciclo del sonno, ci si sente più energici e con stato d’animo più positivo e tutto questo perché il corpo reagisce positivamente alla formula hCG e cibo sano. ndr :già è poco, ci mancherebbe non fosse sano….)

Consigliano di mangiare una combinazione di proteine, verdure e frutta (poche, perché 500kcal, è pari a circa ¼ del fabbisogno calorico di una donna adulta….) ed abbinare alcuni esercizi leggeri come camminare, fare sit-up o flessioni (visto che non si mangia e si fa attività fisica, non si capisce il vantaggio del metodo…)

Una volta completato il programma (giorno 23 o 40), si segue il periodo di mantenimento per 3 settimane, con una dieta di 1500kcal/die, dalla quale sono esclusi amidi e zuccheri; si continua a pesarsi ogni mattina (così è più facile che il peso diventi un’ossessione….); dopo 4-6 settimane si possono rintrodurre, in piccole quantità, amidi e zuccheri, ma si continua a pesarsi ogni mattina…… Dopo 6 settimane, se non avete raggiunto il vostro obiettivo di peso durante il 1 ° ciclo e se siete ancora in buona salute, si può continuare il secondo ciclo, che è una ripetizione del primo.. I cicli si possono ripetere ogni sei settimane fino a raggiungere il peso desiderato.

Questa immagine riassume gli effetti collaterali e le controindicazioni di questo “miracolo dietetico”dietahcg

Nelle donne l’ingrossamento delle ghiandole mammarie e la produzione di piccole quantità di latte si verifica perché la donna assume un ormone che il suo corpo produce normalmente durante la gravidanza, per cui il suo organismo può “pensare“ di essere in fase di gestazione. In più, si possono verificare iperstimolazioni ovariche che possono portare alla formazione di cisti (da rimuovere chirurgicamente) e gravidanze indesiderate anche multiple (con un aumento dell’incidenza di aborto e morte perinatale); per controbilanciare le variazioni ormonali che potrebbero venire a verificarsi con l’uso di hCG, nella donna potrebbe verificarsi produzione di ormoni maschili, con conseguente possibilità di segnali mascolinizzanti, come ad esempio l’irsutismo o la voce roca. Negli uomini gli effetti dell’hCG si manifestano con calo del desiderio sessuale ,impotenza, ginecomastia, voce più acuta, pubertà precoce, consistente caduta di capelli.

Effetti collaterali comuni a entrambi i sessi, causati dall’eccessiva restrizione calorica che porta a malnutrizione, sono emicranie, gastroenteriti, colecistiti, affaticamento, irritabilità, ansia, depressione, aumento di acido urico, diminuzioni dell’ematocrito e dei globuli bianchi

Una quantità così esigua di calorie, come quella consigliata nella dieta hCG, è molto al di sotto del minimo necessario per la sussistenza. Oggi, quel livello calorico è utilizzato in regime di ricovero solo per soggetti gravemente obesi, non certo sovrappeso, e per brevissimi periodi. Si parla di “digiuno modificato”, ma fin dai primi del ‘900 è dimostrato che questo adattamento dura poco (circa 4-5 giorni), dopodiché, proseguendo col digiuno, il metabolismo basale cala di circa il 20-30%, paradossalmente anche a causa della perdita di peso, e aumentano fattori stressogeni e proteolitici, come l’ aumento della produzione di cortisolo, che provocano il catabolismo della massa magra, con la conseguenza che si riprenderà non il peso perduto, ma molto di più, non appena terminerà il semi- digiuno

Tutti gli integratori a base di hCG, che vengono definiti “prodotti integratori per dimagrire” non sono mai stati approvati dall’FDA, (Food and Drug Administration, l’associazione che negli Stati Uniti si occupa di effettuare i test sui farmaci prima che vengano messi in commercio), e sono quindi illegali.

Da quando è stato ipotizzato che la somministrazione di hCG potesse ridurre l’appetito, sono stati fatti numerosi studi clinici: i risultati, tutti concordi, hanno dimostrato che le iniezioni di hCG provocano lo stesso effetto di una soluzione fisiologica, in altre parole agiscono come un placebo. Il gruppo di controllo che segue la dieta da 500kcal e riceve iniezioni di soluzione fisiologica, perde lo stesso peso del gruppo di persone che, con la dieta, riceve iniezioni di hCG (ma gli effetti collaterali della soluzione fisiologica non sono quelli dell’hCG e il gruppo di controllo rischia le sole conseguenze della malnutrizione).

Come abbiamo visto all’inizio, l’hCG viene utilizzato a scopo terapeutico nelle donne che non riescono a produrre sufficienti livelli di gonadotropine, ma non c’è nessuna prova che il prodotto dia, rispetto alla perdita di peso, maggiori risultati di quelli che si hanno con la sola restrizione calorica. Il successo di un programma dietetico è basato sulla motivazione del paziente e, soprattutto, sulla fattibilità e salubrità del regime dietetico: l’obiettivo resta sempre quello di perdere il peso in salute, mantenere la perdita di peso e conservare il gusto del cibo e la convivialità, perché anche questa è salute.

L’uso di hCG come terapia per la gestione dell’obesità è stato da tempo completamente screditato e respinto dalla maggioranza della comunità scientifica, perciò è bene ricordare che qualsiasi medico che esponesse con tale pratica un paziente ad effetti indesiderati potrebbe essere chiamato a rispondere di responsabilità civile e anche penale. Se state seguendo questo metodo, rivolgetevi subito al vostro medico di base per verificare il vostro stato di salute e all’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).