Pubblichiamo con immenso piacere una riflessione del Professor Giulio Filippo Tarro sulla recente epidemia di Ebola

Il Prof. Tarro, Socio Onorario di ASSIS è:

  • Primario emerito dell’ Azienda Ospedaliera “D. Cotugno”, Napoli
  • Chairman della Commissione sulle Biotecnologie della Virosfera, WABT – UNESCO, Parigi
  • Adjunct Professor College of Science and Technology, Temple University, Philadelphia
  • Presidente della Fondazione de Beaumont Bonelli per le ricerche sul cancro – ONLUS.

(curriculum completo)

L’epidemia da virus Ebola:

IM000499.JPGAppartiene alla famiglia dei virus filamentosi (Filoviridae, Virus a RNA) ed è stato scoperto nel 1976 in una epidemia della valle del Congo chiamata Ebola. Dal primo isolamento ha causato epidemie in Congo, Gabon, Uganda, Sudan, mentre ora colpisce i paesi dell’Africa centro-occidentale come Guinea, Sierra Leone, Liberia, Nigeria, Benin.

Il potenziale epidemiologico del virus viene considerato basso perché la morte arriva presto e con alta incidenza in territori isolati.

Il contagio è dovuto soprattutto al mangiare carne di scimmia non ben cotta e poi al contatto diretto con il malato e con gli abiti e le lenzuola del suo letto. Fortunatamente non si trasmette per via aerea come l’influenza.

La mortalità elevata, 50-90%, è legata alla forte disidratazione ed il conseguente mancato funzionamento di diversi organi vitali.

Il serbatoio naturale è rappresentato dal pipistrello, che non si ammala, ed è oggetto di preda delle scimmie, le cui carni vengono usate come cibo. Anche le antilopi possono essere infette. In aggiunta il procedimento dei riti funebri è un momento di rischio in quanto vengono lavati gli intestini dei defunti.

La sintomatologia iniziale è generica, simile ad una malattia tifoidea, febbre, cefalea, nausea, vomito, profusa diarrea, marcata astenia, quindi di difficile diagnosi fino a quando diventa conclamata colpendo fegato, reni e vasi sanguigni, e causando emoragie interne ed esterne.

L’incubazione dura da due giorni a tre settimane e l’infezione si contagia dopo l’inizio dei primi sintomi con i liquidi dell’organismo, sudore, saliva, urine, feci, latte materno, soprattutto sangue. Anche il rapporto sessuale è fonte di contagio. Lo sviluppo di una febbre oltre il periodo di incubazione dall’arrivo o ritorno dall’Africa deve indirizzare verso una diagnosi diversa, per esempio la malaria. La trasmissione virale avviene fino a 24 ore dopo il decesso.

Come a suo tempo per la peste nera, l’Ebola è la malattia del terrore e dell’isolamento, del marchio infamante e del rigetto, mentre i presidi sanitari del mondo occidentale, se applicati in tempo, sono sufficienti a tranquillizzare, ad assistere, a curare e perfino a guarire.

I casi confermati e quelli sospetti, la mortalità variano ovviamente con il passare del tempo per una epidemia che si è prolungata più dei soliti tre-quattro mesi, infatti dura da dicembre scorso, con una diffusione fuori controllo (1350 decessi su 2473 contagiati al 20-08-2014). Colpisce pure il personale medico nonostante le misure di protezione e le tute isolanti. Le nazioni alzano il livello di allerta e sigillano le frontiere, impazzano le superstizioni e il grido agli untori addirittura il personale dei Medici senza frontiera. Bisogna contenere l’aggressività del virus anche se un focolai epidemico nel nostro paese non è concepibile: pertanto niente allarmi ingiustificati.

In realtà le attuali immigrazioni dall’Africa non sono pericolose perché il tempo di incubazione è tale che la malattia completerebbe tutto il suo percorso dall’infezione alla comparsa dei sintomi fino alla sua conclusione, mortale o di sopravvivenza, prima di arrivare da noi attraverso il viaggio nel territorio africano prima e poi nel Mediterraneo. Altro pericolo rappresentano invece i passeggeri degli aerei da quelle zone dell’Africa occidentale sede dell’epidemia, ma molte compagnie aeree hanno già adottato misure di emergenza aumentando i controlli sanitari all’imbarco oppure interrompendo i voli.

In quella parte dell’Africa, le cattive condizioni igieniche hanno fatto esplodere l’epidemia, non controllata per le difficili condizioni dell’organizzazione sanitaria e per la tutt’ora persistente diffidenza nei confronti della medicina occidentale. Peraltro mancano protezioni elementari come guanti di gomma e tute, materiale monouso (usa e getta). La sterilizzazione è un lusso, mancano le autoclavi, la infezione è incompleta.

La deforestazione rappresenta una delle cause della diffusione del virus Ebola dal momento che ha spinto gli animali (pipistrelli, serbatoi del virus) verso le aree abitate.

L’urbanizzazione gioca pure il suo ruolo nell’attuale epidemia, che prima vedeva il suo ciclo iniziare e finire in villaggi sperduti nella giungla.

Infine la povertà, che rappresenta purtroppo ancora oggi la malattia più diffusa specialmente in quelle regioni del globo, diventa un’associazione letale.

Le misure di prevenzione implicano una serie di controlli sanitari sull’uso di carni commestibili, e l’allestimento di una task force di medici, virologi, clinici, rianimatori e parasanitari soprattutto nelle aree interessate, dove il rapporto medico/pazienti è insufficiente come in Guinea 1:10000 rispetto a quello americano 1:408. “In Liberia sono morti 30 dei 50 medici a disposizione dei 4 milioni di abitanti”. Va operata anche la messa in quarantena di diverse comunità nei paesi colpiti.

In mancanza di una terapia specifica antivirale e di profilassi vaccinica, potrebbe essere utile il ricorso alla vecchia immunoterapia passiva (immunoglobuline con anticorpi specifici dei pazienti guariti) o a quella attuale di anticorpi monoclonali, ancora esigui, da sperimentare però su campo.

AGGIORNAMENTI AL 16-08-2014

CONTAGIATI

2240

DECESSI*

1229

TASSO DI MORTALITA’

55%

*Paziente zero: bimbo di 2 anni, morto il 6-12-2013 in Guinea

PAESI

MORTI

AMMALATI

LIBERIA

466

834

GUINEA

394

543

SIERRA LEONE

365

848

NIGERIA

4

15

FONDI STANZIATI IN MILIONI DI DOLLARI

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

100

BANCA DELLO SVILUPPO AFRICANO

56

COMUNITA’ EUROPEA

15.8

USA

15.8

REGNO UNITO

8

CINA

4.9