Le morti nel breve periodo dopo vaccinazione esavalente devono essere oggetto di attenta valutazione ed esame post-mortem per determinare il possibile legame di causa-effetto del vaccino nella SIDS, la morte improvvisa.

E’ la conclusione cui è giunto lo studio condotto dal centro ricerche “Lino Rossi” per lo studio e la prevenzione della morte perinatale improvvisa e della SIDS, al Dipartimento di scienze biomedicali, chirurgiche e dentali dell’università di Milano diretto dalla dottoressa Anna Lavezzi.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Current Medicinal Chemistry e ha preso in esame un ampio numero di vittime da sindrome da morte infantile improvvisa allo scopo di cercare di stabilireuna possibile correlazione causale tra la precedente vaccinazione esavalente e la successiva morte infantile improvvisa.
«Sono stati selezionati 110 casi sottoposti ad approfondito esame istologico del sistema nervoso autonomo e per i quali sono state raccolte informazioni dettagliate di carattere clinico e ambientale – scrivono gli autori nell’abstract – In 13 casi (11,8%) la morte era avvenuta in associazione temporale con la somministrazione del vaccino esavalente (da 1 a 7 giorni). In nessuna di queste morti erano state osservate alterazioni congenite dello sviluppo delle principali strutture nervose che regolanole funzioni vitali. In cinque casi era presente soltanto una ipoplasia dei nuclei arcuati».
Data la estrema delicatezza dell’argomento e i dati sconcertanti, i ricercatori hanno anche voluto sottolineare come questo studio non provi, di per sé, una correlazione causale tra vaccino esavalente e SIDS, ma gli autori stessi hanno ammesso di «ipotizzare che i componenti del vaccino possano avere un ruolo diretto nel provocare un esito letale in bambini vulnerabili. In conclusione, sottolineiamo la necessità che le morti avvenute nel breve periodo dopo vaccinazione esavalente siano studiate in maniera appropriata e venga eseguito un esame post-mortem in particolare sul sistema nervoso autonomo da parte di patologi esperti in modo davalutare in maniera obiettiva il possibile ruolo causale del ruolo del vaccino nella SIDS».

Rif: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24083600