Il semestre italiano di presidenza UE “chiama il nostro governo a scelte ormai improcrastinabili per porre  la salute dell’individuo e della famiglia al centro della vita quotidiana e avviare così il nuovo progetto di sviluppo dedicato alla sostenibilità”. A lanciare l’appello è il dottor Franco Verzella, membro fondatore di Assis, che propone un percorso ragionato ma richiede anche una netta presa di posizione da parte delle istituzioni.

a) Dalla fine degli anni ’70 la teoria dello sviluppo e del profitto ha ammalato il Pianeta ed i suoi abitanti, piante, animali e popolazione, creando cicatrici a tratti irreversibili, diffondendo epidemie, alimentando guerre e genocidi, producendo il default di paesi emergenti, come di città simbolo della società industrializzata, alimentando l’attuale crisi economico-finanziaria. A nulla sono valsi gli straordinari sviluppi della ricerca scientifica in tutti i settori, che sono stati interpretati ed usati a sostegno della medesima teoria: farmaci, OGM, armi, alimenti tossici. A nulla sono valsi gli allarmi e le testimonianze di persone illuminate e coraggiose e la Ragione Morale non ci ha soccorso e non ci soccorre per comprendere le cause degli orrori a cui stiamo quotidianamente assistendo.
b) La Ricerca Scientifica nel settore della biologia molecolare quantistica e delle neuroscienze ha dimostrato che la nostra mente, con la quale crediamo di identificarci, in realtà è antenna di una individualità biologica, energetica e percettiva, astronomicamente più complessa, che si forma tra il concepimento ed i primi anni di vita, come una memoria, che media la salute ed il comportamento in ogni istante della nostra esperienza quotidiana. Questo significa che la Mente non può spiegare la Mente e che la nuova strepitosa occasione che ci viene offerta è quella di cominciare a leggere ed a familiarizzarci con un alfabeto biologico, antico e sempre nuovo, secondo i disegni della Evoluzione della Vita sul Pianeta.
c) Lo sconcerto di scoprirci analfabeti, nei saperi e nei comportamenti, è apocalittico e ci IMPONE di riparare con l’unica azione possibile, ponendo la SALUTE DELL’INDIVIDUO E DELLA FAMIGLIA AL CENTRO DELLA VITA QUOTIDIANA, per avviare il nuovo progetto di sviluppo dedicato alla SOSTENIBILITA’.
d) La acquisizione da parte del Governo Renzi di questa priorità, attribuirebbe al Semestre Italiano una “energia” nuova, originale, fortemente percepita ed attesa da una larga parte della popolazione e costituisce la migliore risposta alla condivisa richiesta di umanizzazione della politica. Non una ulteriore pronuncia di rinnovamento industriale o di reinterpretazione dei “bilanci”, o di controllo sulle Multinazionali e gli Istituti Bancari, ma la costituzione di un TAVOLO MULTIDISCIPLINARE , al quale potranno partecipare ESPERTI riconosciuti TESTIMONI del CAMBIAMENTO . E’ questa una categoria in attesa di omologazione e di disambiguazione, che richiederà la integrazione del curriculum scientifico con la storia personale per l’impegno sociale.

Acqua, Agricoltura, Alimenti, Salute, Formazione, Giustizia, Ricerca, Impresa, Edilizia, Trattamento dei rifiuti, Energie Rinnovabili, Cooperazione: funzioni della quotidianità, reinterpretate attraverso un unico coordinatore rappresentato dalla Salute dell’individuo e della Famiglia.

Questa proposta può apparire vaga e vana solo a chi ritiene che il SISTEMA ATTUALE abbia le competenze, le risorse, le volontà per porre rimedio all’attuale degrado sociale ed ambientale. In questo caso è lecito chiedersi quali e dove siano i segnali che alimentano questa convinzione e quali gli interpreti.

Dr. Franco Verzella