Approfondimenti,In Primo Piano

Sindrome da vaccinazione HPV

16 Set , 2015  

Che le reazioni avverse ai vaccini esistano, non è una novità. Che il loro numero reale sia ampiamente sottostimato, neppure. Gli Autori dello studio che abbiamo tradotto indicano una nuova strada per valutare l’insorgenza delle reazioni avverse conseguenti alla vaccinazione anti HPV, arrivando alle conclusioni che la sindrome di dolore cronico neuropatico disabilitante, affaticamento esasperante, e disfunzione autonomica profonda sono ad essa correlabile. Un motivo di più per richiedere la sospensione di questa vaccinazione.

http://www.assis.it/moratoria-vaccino-hpv/ 


A cura della Dott.ssa Alessia Zurlini

Sindrome da vaccinazione HPV. Uno studio basato su questionario

Manuel Martínez-Lavín, Laura-Aline Martínez-Martínez, Paola Reyes-Loyola

Clin Rheumatol DOI 10.1007/s10067-015-3070-3

 

Abstract

La vaccinazione anti papilloma virus umano (HPV) può provocare in alcuni soggetti la sindrome dolorosa regionale complessa, o la sindrome di tachicardia posturale ortostatica e la fibromialgia. Queste malattie sono difficili da diagnosticare e hanno caratteristiche cliniche sovrapponibili. La neuropatia delle piccole fibre e la disautonomia possono svolgere un ruolo importante nella patogenesi di queste condizioni patologiche.

Per valutare le patologie croniche che parrebbero comparire dopo la vaccinazione contro l’HPV abbiamo utilizzato i seguenti questionari convalidati : i Criteri Diagnostici del Collegio americano di fibromialgia e reumatologia del 2010, il questionario sulla disautonomia COMPASS 31 e il form S-LANSS per il dolore neuropatico. Questi questionari e un sondaggio sulla malattia “presente” sono stati inviati tramite posta elettronica a persone che hanno manifestato l’insorgenza di una malattia cronica subito dopo la vaccinazione contro l’HPV. Sono stati raccolti quarantacinque questionari compilati da individui che vivono in 13 paesi diversi . Il ventinove per cento dei casi ha avuto un esordio della malattia entro 24 ore dalla vaccinazione .

I sintomi più comunemente rappresentati erano dolore osteomuscolare (66%), affaticamento (57%), mal di testa (57%), capogiri/vertigini (43%) e parestesie/allodinie (36%). Il cinquantatré per cento delle persone affette soddisfa i criteri diagnostici per la fibromialgia.

Il punteggio COMPASS-31 è stato di 43±21, implicando una disfunzione autonomica avanzata. L’ottantatré per cento dei pazienti che avevano dolore in corso riportavano valori di S-LANSS >12, suggerendo una componente neuropatica nella loro esperienza dolorifica.

Dopo un periodo medio di 4.2±2.5 anni post-vaccinazione il 93% dei pazienti continua ad avere sintomi invalidanti e rimane non in grado di frequentare la scuola o il lavoro. In conclusione, dopo vaccinazione contro l’HPV, può comparire una sindrome disabilitante di dolore neuropatico cronico, stanchezza e disfunzione autonomica.

Introduzione

Le vaccinazioni sono state una delle misure più efficaci per la salute pubblica nella storia della medicina. Malattie terribili come vaiolo o poliomielite sono state praticamente debellate.

Tuttavia, sembra che il pendolo abbia oscillato troppo lontano.

Al giorno d’oggi i bambini sono sottoposti a diversi protocolli di vaccinazione non solo per prevenire malattie infettive comuni, ma anche per prevenire la comparsa tardiva del cancro.

Il vaccino per il papilloma virus umano (HPV) rappresenta il caso in questione [1].

Reazioni avverse sembrano essere più frequenti dopo la vaccinazione per HPV rispetto ad altri tipi di vaccinazioni. Uno studio condotto sulla comunità valenziana spagnola ha dimostrato che le reazioni avverse alla vaccinazione HPV, segnalati alle autorità per la sanità dai professionisti della salute (medici o infermieri), hanno un tasso di incidenza approssimativo di 1 caso ogni 1000 inoculazioni. Questa incidenza è dieci volte superiore a quelle descritte con altri tipi di vaccini somministrati alle ragazze di età simile.

Il trentadue per cento delle reazioni avverse al vaccino HPV sono state classificate come “gravi”[2]. Diversi casi singoli e piccoli gruppi hanno descritto l’insorgenza di sincope, sindrome da dolore regionale complesso [3], sindrome da tachicardia posturale ortostatica [4, 5] e fibromialgia [6] dopo la vaccinazione contro l’HPV.

Queste malattie sono difficili da diagnosticare ed hanno caratteristiche cliniche sovrapponibili. Evidenze recentemente pubblicate suggeriscono che la disautonomia e la neuropatia delle piccole fibre possano rappresentare la patogenesi comune di fondo per questi morbi clinicamente sovrapponibili [1].

Ci sono tre questionari di auto-applicazione recentemente convalidati che possono aiutare a valutare queste sindromi: I Criteri Diagnostici del Collegio americano di fibromialgia e reumatologia del 2010 sono in grado di rilevare la presenza di fibromialgia[7], il COMPASS 31 valuta l’onere dei sintomi autonomici e il questionario S-LANSS può suggerire una componente neuropatica nell’esperienza dolorosa [9].

Il nostro obiettivo era di usare questi questionari come strumento per indagare se una malattia possa svilupparsi dopo la vaccinazione  HPV.

Materiale e metodi

I tre questionari validati insieme ad un sondaggio sulla malattia “presente” sono stati inviati tramite posta elettronica a persone che hanno avuto l’insorgenza di una malattia cronica subito dopo la vaccinazione contro l’HPV. La popolazione target è stata identificata con l’aiuto dei gestori di un blog sul vaccino HPV. Sono stati inoltre ricontattati pazienti che in precedenza ci avevano scritto via e-mail dopo la pubblicazione di un articolo in cui discutevamo questo argomento[1] e due casi personalmente visitati da uno degli autori [6].

I soggetti sono stati invitati a compilare il questionario solo se avevano motivo di credere che la vaccinazione HPV fosse correlata all’esordio della loro malattia cronica. I casi i cui sintomi sono comparsi entro 3 mesi dopo la vaccinazione furono recensiti.

Il protocollo è stato approvato dall’ Institutional Research and Ethics committees.

Risultati

I notevoli risultati dei 45 questionari compilati raccolti nel periodo di un mese sono riassunti nella tabella 1. I pazienti risiedono in 13 paesi diversi. L’età media (± SD) al momento della vaccinazione era di 14±5 anni; tutti gli individui colpiti tranne 1 erano di sesso femminile. L’intervallo di tempo medio tra la vaccinazione e la comparsa dei sintomi è stata di 2.3±3.1 settimane. Il ventinove per cento dei casi ha avuto un esordio della malattia nell’immediato post-vaccinazione (entro 24h).

I sintomi più comunemente rappresentati  erano dolore osteomuscolare (66%), affaticamento (57%), mal di testa (57%), capogiri/vertigini (43%), parestesie/allodinia (36%) e nausea/vomito (27%). Dopo un periodo medio di 4.2±2.5 anni post vaccinazione HPV tutti tranne due pazienti hanno avuto una esasperante escalation dei sintomi, quelli più segnalati furono:

  • affaticamento/stanchezza (88%)

  • dolore muscolare (76%)

  • cefalea (74%)

  • debolezza muscolare (69%)

  • problemi nel pensare o nel ricordare (63%)

  • vertigini (63%)

  • dolore/crampi all’addome (60%)

  • intorpidimento/formicolio (60%)

  • nausea (60%).

A causa di questi sintomi, il 93% dei pazienti non riesce a frequentare regolarmente la scuola o il lavoro.

Il cinquantatré per cento degli individui colpiti soddisfano pienamente i criteri diagnostici per la fibromialgia. Il punteggio COMPASS-31 era tra 43±21; questi valori implicano un1 avanzata disfunzione autonomica. L’ottantatré per cento dei pazienti che ha avuto dolore mostra valori di S-LANSS >12, il che suggerisce una componente neuropatica nella loro esperienza dolorosa.

Discussione

Questi risultati suggeriscono che dopo la vaccinazione per l’HPV può comparire una malattia con motivi comuni di dolore neuropatico e disfunzione autonomica.

Il gruppo di sintomi post-vaccinazione HPV descritto in questo studio da individui che risiedono in 13 diversi paesi è analogo a quelli riportati dai 53 pazienti danesi descritti da Brinth et al. In maniera simile a quanto evidenziato dai nostri risultati, il disturbi più comuni nello studio danese erano cefalea (100%), intolleranza ortostatica (96%), affaticamento (96%), disfunzione conoscitiva (89%), e nausea (91%) [5].Allo stesso modo, la maggior parte dei sintomi comuni alle 40 ragazze giapponesi vaccinate per l’HPV presentate nella pubblicazione di Kinoshita et al sono stati mal di testa (70%), affaticamento (53%), freddo delle gambe (53%), dolore agli arti (50%), e debolezza degli arti (48%) [3].

La Sindrome da vaccinazione per HPV mostra somiglianze con fibromialgia, encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica, sindrome ASIA, miofascite macrofagica e sindrome della guerra del Golfo. Queste sindromi hanno caratteristiche cliniche sovrapponibili e sono state precedentemente associate ad altri vaccini contenenti alluminio [10-12]. La differenza evidente è che la sindrome da vaccinazione HPV colpisce per lo più le ragazze nel periodo iniziale della loro vita.

La sindrome da vaccinazione HPV sembra essere una malattia neurotossica che colpisce principalmente il sensorio e il sistema nervoso autonomo. Sulla base della nostra precedente ricerca sulla fibromialgia [13], supponiamo che in individui suscettibili le particelle ricombinanti virus-like del vaccino adsorbite sull’adiuvante contenente alluminio possano danneggiare la radice dorsale dei gangli. Questo danno può indurre neuropatia delle piccole fibre e disautonomia [1].

La chiara limitazione del nostro studio è la mancanza di esami medici diretti sugli individui colpiti.

In conclusione, una evidenza emergente suggerisce che una sindrome di dolore cronico neuropatico disabilitante, affaticamento esasperante, e disfunzione autonomica profonda si può presentare dopo vaccinazione per HPV.

Ringraziamenti Ringraziamo Norma Erickson, Freda Birrel, and Alicia Capilla, per l’aiuto nel contatto coi pazienti

Tabella 1 caratteristiche di 45 pazienti che descrivono reazioni negative alla vaccinazione HPV

Caratteristica

Età (media ± DS) 

19±6

Donna (%) 

98

All’età vaccinazione tempo (media ± DS) 

14±5

Vaccinazione quadrivalente (%) 

79

Vaccinazione bivalente (%) 

21

Tempo trascorso tra la vaccinazione HPV e insorgenza di sintomi (settimane)

2.3±3.1

presentazione dei sintomi più comuni (%)

Dolore muscoloscheletrico 

66

Stanchezza 

57

Mal di testa 

57

Capogiri/vertigini 

43

Parestesie/allodinia 

36

Nausea/vomito

27

Segnalazioni più frequenti in fase di indagine (%)

Fatica/stanchezza 

88

Dolore muscolare 

76

Mal di testa 

74

Debolezza muscolare 

69

Pensando o ricordando problema

63

Vertigini 

63

Dolore/crampi all’addome 

60

intorpidimento/formicolio 

60

Nausea

60

Punteggio del questionario

% dei casi che soddisfano la fibromialgia criteri diagnostici 2010

53

COMPASS 31 Punteggio 

43±21

% dei casi con punteggio S-LANSS > 12a 

83

% dei casi in grado di andare a scuola (o lavoro) su base regolare

7

a misurato solo in pazienti con dolore in corso

 

, , , ,


Torna su