Dopo circa un anno di gestazione, è uscito in libreria il libro della Rete Sostenibilità e Salute: “Un nuovo mo(n)do per fare salute”. Come suggerisce il titolo, si tratta di riflessioni e spunti, teorici e pratici, per ripensare la salute e la cura all’interno di un più ampio ripensamento dell’attuale sistema socio-economico e culturale, insostenibile e patogeno.

I vari capitoli, a cura di autori e autrici afferenti alla Rete, affrontano gli snodi principali dellaCarta di Bologna“, il manifesto fondativo con cui la Rete è nata cinque anni fa: la salute come prodotto sociale, la centralità delle relazioni e dunque della cultura e della partecipazione, la questione ambientale e le alternative al dogma della crescita, i diversi approcci alla cura e l’importanza del servizio sanitario nazionale, le minacce rappresentate da conflitti di interessi e sistemi che premiano la malattia e non la salute, e molto altro.

Il libro sarà presentato a Bologna, in prima nazionale, venerdì 11 ottobre alle 18.00 a Venti Pietre (Via Marzabotto 2). Grazie alla presenza di Giuditta Pellegrini, giornalista ambientale e fotografa per Terra Nuova e Il Manifesto, sarà possibile un dialogo approfondito con i curatori (Chiara Bodini, Jean-Louis Aillon, Matteo Bessone) e le autrici e gli autori.

Per maggiori informazioni, trovate allegati la scheda libro (copertina, indice ed introduzione), la locandina e l’evento facebook: https://www.facebook.com/events/509221302957935.
A questo link può essere, invece, acquistato il libro online.


“Secondo l’autorevole rivista «The Lancet», i cambiamenti climatici saranno la principale minaccia per la salute del XXI secolo. Contemporaneamente, l’acuirsi delle disuguaglianze alimenta problemi sociali e di salute, sia fisica che mentale, in tutta la popolazione e a tutti i livelli. […]
Che cosa possiamo fare di fronte a tutto ciò?
In questo volume la Rete Sostenibilità e Salute propone spunti teorici e pratici per un cambiamento dell’attuale sistema, a partire da un modo diverso di leggere la malattia e la cura. Si tratta di un utile strumento per tutte le persone che si rifiutano di rassegnarsi a questa ingiusta ed evitabile “realtà”, e vogliono impegnarsi nel dare vita a un mondo che metta al centro la salute delle persone e quella del pianeta.”


La Rete Sostenibilità e Salute

Rete Sostenibilità e Salute: chi siamo?
Siamo un insieme di associazioni che da anni si impegnano in maniera critica per proteggere, promuovere e tutelare la salute. Ogni associazione ha la sua storia e le sue specificità, ma siamo accomunati da una visione complessiva della salute e della sostenibilità.

  1. AsSIS – Associazione di studi e informazione sulla salute

  2. Associazione Dedalo 97

  3. Associazione Frantz Fanon

  4. Associazione Medici per l’Ambiente – ISDE Italia

  5. Associazione per la Decrescita 

  6. Associazione Scientifica Andria

  7. Centro Salute Internazionale-Università di Bologna

  8. Federspecializzandi

  9. Fondazione Allineare Sanità e Salute

  10. Fondazione per la Salutogenesi ONLUS* 

  11. Giù le Mani dai Bambini ONLUS

  12. Medicina Democratica ONLUS

  13. Movimento per la Decrescita Felice

  14. NoGrazie

  15. Osservatorio e Metodi per la Salute, Università di Milano-Bicocca

  16. People’s Health Movement 

  17. Psichiatria Democratica

  18. Rete Arte e Medicina

  19. Rete Mediterranea per l’Umanizzazione della Medicina

  20. Saluteglobale.it 

  21. Segretariato Italiano Studenti in Medicina, SISM

  22. Slow Food Italia

  23. Slow Medicine

  24. SIMP Società Italiana di Medicina Psicosomatica

  25. Sportello Ti Ascolto – Rete di Psicoterapia sociale

  26. Italia che cambia

  27. Vivere sostenibile

Media relation Rete Sostenibilità e Salute
– Portavoce: Jean-Louis Aillon – rete@sostenibilitaesalute.org
– Sito: www.sostenibilitaesalute.org
– Pagina Facebook: Rete Sostenibilità e Salute
– Video: La rete Sostenibilità e Salute; La Carta di Bologna (spot), Presentazione della Carta di Bologna